mercoledì 21 settembre 2016

Noi Pesce - Milano

Dopo aver valutato diversi ristoranti di pesce, la mia scelta cade su questo ristorante complice anche il fatto che, prenotando con The Fork, si otteneva lo sconto del 20%.

Il locale è molto ampio, con grandi vetrate che danno sulla bella piazza.
I tavoli sono ben separati tra loro, garantendo la privacy.
Arredato con uno stile moderno, con legno chiaro, risulta elegante ed accogliente.

Il menù è tutto di pesce: antipasti, capesante, polpo, astice, cozze, primi, secondi e dessert. C'è la possibilità di avere due piatti di carne, ma solo su prenotazione.

Il personale, asiatico, è molto gentile e parla molto bene l'italiano.
Io ho preso le capesante in salsa thai: 4, ottime (attenzione che sono un pò piccanti). Come secondo ho preso un fritto di gamberi, totani e zucchine: davvero molto leggero. I dessert sono della pasticceria Martesana... peccato la mia intolleranza al lattosio!!

Porzioni abbondanti e prezzi onesti per la qualità e quantità, ovviamente stiamo parlando di un ristorante di pesce.
In due, con una bottiglia di falanghina, acqua e caffè, 2 antipasti e 2 secondi abbiamo speso poco meno di 70 euro (con lo sconto del 20%).

Io tornerò!

Voto: 8.5 (scala: 1-10, ove 10 è il top)


Noi Pesce
Piazzale Damiano Chiesa 2
20149 Milano

giovedì 4 agosto 2016

Sei Ottavi - Rino Gaetano

Vera poesia...

Mentre la notte scendeva stellata stellata 
lei affusolata nel buio sognava incantata 
e chi mi prende la mano stanotte mio Dio 
forse un ragazzo il mio uomo o forse io 
lontana la quiete e montagne imbiancate di neve 
e il vento che soffia che fischia più forte più greve 
e che mi sfiora le labbra chi mi consola 
forse un bambino gia grande o io da sola 
passava la notte passavano in fretta le ore 
la camera fredda gia si scaldava d'amore 
chi troverà i miei seni avrà in premio il mio cuore 
chi incontrerà i miei semi avrà tutto il mio amore 
la luce discreta spiava e le ombre inventava 
mentre sul mare una luna dipinta danzava 
chi coglierà il mio fiore bagnato di brina 
un principe azzurro o forse io adulta io bambina 
mentre la notte scendeva stellata stellata 
lei affusolata nel buio dormiva incantata 
chi mi dirà buonanotte stanotte mio Dio 
la notte le stelle la luna o forse io




Buona giornata!

giovedì 5 maggio 2016

La donna in blu e l'uomo in rosso

Da tempo li vedo, li osservo.
Non li conosco, non so dove abitano.
Li incontro in un paesino immerso nelle Colline Moreniche.

Sono una donna elegante e vestita con un giubbotto blu, lui un uomo altrettanto elegante con un giaccone rosso.
Entrambi abbronzati, con i capelli bianchi bianchissimi.
Occhi cerulei lei, marroni lui.

Lei ha sempre uno sguardo assente, malato, rapito dall'eterno, impaurito.
Lui una presenza dolce, confortante, rapita dal presente, sicuro, amorevole.
Il di lei angelo, angelo custode.
Si tengono sempre per mano, si accarezzano.
Lei chiede soccorso, lui sorride.
Lei lo guarda, lui risponde con una carezza.

Sono fratelli? Marito e moglie?
Poco importa... Sono un capolavoro dell'Amore.
L'amore tra questi due esseri umani è qualcosa di immenso, puro, intangibile ma nello stesso tempo essenzialmente tangibile.

(Storia vera, vista con i miei occhi)



lunedì 29 febbraio 2016

I cambiamenti

Capita, così all'improvviso, che la tua vita debba cambiare.
Non perché lo desideri, ma perché succede.

Dopo qualche momento realizzi ed interiorizzi che il detto "Non tutto il male vien per nuocere" è veritiero.

Le difficoltà fortificano e i cambiamenti possono essere opportunità.
Belle opportunità.

Sembrano tutte frasi fatte, ma un fondo di verità c'è pur sempre... anche nei luoghi comuni.

Capisci chi sei, cosa vuoi e chi hai attorno.

Comprendi il tuo valore delle cose, quello che davvero conta per te.
Rafforzi legami già forti, impari a sorridere e a commuoverti per le piccole cose.
Intuisci che le persone che hanno avuto una qualche difficoltà ti sanno stare più vicine di altre, realizzi che l'amore che ricevi è tanto e che basta solo saperlo leggere, prenderlo, afferrarlo.
Apprezzi l'infinita differenza dei modi di amare e voler bene.

E finalmente ti senti leggera, libera, forte e ancora più te stessa. E intimamente ringrazi per questa opportunità che ti è stata data.

Realizzi anche di avere attorno tanto menefreghismo, egocentrismo.
Da chi te lo aspetti - ma non ti crea problema - e da chi invece avresti giurato "fedeltà assoluta".
Bene: realizzato questo, non ti scoraggi e vai avanti come sempre a testa alta, con quella forza che nemmeno tu sai dove la custodisci (ma che hai), ed ignori chi non ti capisce o non vuol capirti.
Cinismo? Forse.

Più probabilmente tutto questo si chiama Vita.





martedì 5 gennaio 2016

Oltrepo Pavese - Il primo viaggio del 2016

Un altro anno è passato, uno nuovo ne inizia.
Aspettative? Tante.
Vedremo.
Intanto il passaggio tra il vecchio ed il nuovo anno è stato bellissimo!
Che sia di auspicio!

Stanchissima per il lavoro ininterrotto e stressante, decidiamo per un Capodanno immersi nelle colline pavesi, un pò isolati.
In un luogo dove il tempo sembra essersi fermato.
Un luogo genuino, con gente genuina e con una grande tradizione culinaria.

Scegliamo, quindi, come punto per alloggiare, Varzi.

Si, il famoso Varzi dove si produce uno spettacolare salame: il salame di Varzi DOP dal sapore inconfondibile.

Il nostro alloggio - Agriturismo Ca' De Figo - purtroppo si è dimostrato ben al di sotto delle aspettative non tanto per la meravigliosa posizione e per la gentilezza del personale ma per la totale disorganizzazione.

Tutto il resto invece è stato divino!

Varzi è davvero molto caratteristico: colpisce l'ottimo stato di conservazione degli edifici.
Una sorpresa, una piacevole sorpresa.
Visto dalla tangenziale, sembra un presepe con le casette colorate che salgono verso le colline.

E' un paese con una storia importante.
Non sono una storica e non vi voglio annoiare (solo incuriosire)... ma leggete i numerosi pannelli esplicativi, sparsi tra le viuzze.

Lo dimostra con i suoi edifici: i tanti portici, la torre di Porta Soprana e la torre di Porta Sottana, il Castello Malaspina, la piazza del Municipio, due belle chiese - quella dei Rossi e quella dei Bianchi, un bel fiume...

Attorno ci sono delle colline meravigliose, che vorrò visitare anche in primavera.

Ma vogliamo parlare del mio ristorante preferito, dove abbiamo mangiato divinamente per ben due sere di fila?  
Caffè Torino!
Affabilità e cibo fatto a mano, S P A Z I A L E!

Come gita, vi suggerisco di raggiungere il Santuario del Monte Penice.

Noi, visto la stagione invernale, ci siamo saliti in auto ma ci sono diversi sentieri che partono da Varzi, da metà strada e da Bobbio.

La fondazione del santuario dedicato alla Madonna risale al VII secolo, la chiesetta attuale al XVII secolo.
Purtroppo al momento della nostra visita, era chiuso. 
Una scusa per tornare!

Il Monte Penice è famoso per i ripetitori televisivi e telefonici della RAI che consente tutt'oggi di ricevere le trasmissioni ad un ampio territorio del nord Italia.
Uno spettacolo particolare, davvero particolare...

In giornate soleggiate, oltre al Santuario ed ai ripetitori lo spettacolo è davvero suggestivo: vallate e montagne... si vede il Monte Rosa!


Varzi, il Monte Penice... luoghi spettacolari.
A presto!