martedì 9 giugno 2015

Activity Tracker

Amo la tecnologia in tutte le sue forme.

Una delle mie ultime passioni sono gli Activity Tracker. Sono quegli oggettini (clip o braccialetti) che monitorano le attività giornaliere, sonno compreso e stimolano l'attività fisica.
E' un mondo vastissimo e decisamente entusiasmante, per tutte le esigenze e per "tutte le tasche".

Pratico yoga e palestra e mi piace tenermi in forma: cercavo dunque uno strumento che mi mostrasse i miei miglioramenti, mi indicasse quanti passi facevo al giorno, le calorie bruciate e mi monitorasse il sonno e che fosse compatibile con il mio smartphone android.
Mi sono "studiata" online molti Activity Tracker, trovandone due più interessanti di altri.

Ho acquistato il WHITINGS PULSE.
L'ho usato per un mese, rimanendone molto soddisfatta... poi è finito in lavatrice assieme ai jeans. Morto, defunto.

Avevo scelto il Pulse perché è molto piccolo e leggero, può essere infilato in tasca, inserito in una comoda clip di gomma (blu o nera, acquistabili a parte anche verde e arancione) e durante la notte indossato come un orologio.
Poca impermeabilità, ma gestibile prestando un pò di attenzione (!!).

Whitings Pulse - Modelli

Le funzioni di conteggio dei passi, distanza, dislivello e monitoraggio del sonno (attivabile manualmente) sono ottime e visibili sul display.
La misurazione delle pulsazioni, invece, è un pò più complicata perché viene rilevata manualmente appoggiando un dito sul sensore apposito.
Tutti i dati raccolti sono registrati e consultabili via app o via web in maniera molto semplice ed intuitiva.

Molte sono le app integrabili e compatibili, anche per la corsa (ma a me non interessava).
Utile - invece - la integrazione con la app MyFitnessPal (consultabile anche via web) per il conteggio delle calorie ingerite durante i pasti o consumate con attività fisica.
Qualche lentezza nella sincronizzazione tra tutte le app,  e di configurazione ma devo dire che ne sono rimasta soddisfatta.
Il costo è attorno ai 120 euro.

Poi la distrazione me lo ha fatto morire.
Imprecazioni a parte, ho proseguito nella mia ricerca di un nuovo Activity Tracker... comprarne uno uguale o uno differente?
Utilizzare una cosa ti fa capire cosa ti è utile veramente.
Forse mi farebbe comodo anche il cardiofrequenzimetro, così il conteggio delle calorie è più preciso e mi monitora anche quando sono in palestra o pratico Yoga.

La nuova scelta - dunque - è andata sul già selezionato FITBIT CHARGE HR, per la presenza del cardiofrequenzimetro senza fascia toracica ma tramite un sensore posto sotto il bracciale, a contatto con il polso. Odio la fascia toracica!
Non mi dispiaceva, poi, l'idea di un bracciale visto la misera fine del precedente Activity Tracker.
Non volevo però un bracciale troppo grosso o dozzinale... lo volevo sobrio.
E tra i molti modelli in commercio, questo è quello che mi è piaciuto di più.
La larghezza è di 2 cm e c'è la versione S o L, per ogni tipo di polso.

Fitbit Charge HR - Modelli

I dati raccolti da Fitbit Charge HR sono registrati e consultabili via app, via web e anche via computer tramite una chiavetta wireless inclusa nella confezione.

Anche in questo Activity Tracker sono incluse tutte le funzionalità del Whitings Pulse (conteggio calorie, passi, distanza, dislivello, monitoraggio del sonno), ma non è necessario utilizzare MyFitnessPal (seppur compatibile) perché la app proprietaria di Fitbit gestisce perfettamente le calorie ingerite durante pasti e spuntini.
In aggiunta vengono monitorati i minuti di attività/inattività giornalieri... un bello stimolo per chi fa vita sedentaria!
Il monitoraggio del sonno - a differenza del Pulse - inizia in automatico oppure dandone il via tramite app.

Comoda la notifica di chiamata in entrata sul display (Oled) del bracciale: una funzione non fondamentale (ed inesistente nel Pulse) ma molto utile quando lo smartphone è in tasca o sul tavolo con suoneria abbassata, in borsa o si sta guidando lo scooter.
Maggiore impermeabilità (schizzi e sudore), ma non utilizzabile sotto la doccia o in piscina.
Sincronizzazione perfetta e configurazione semplice e veloce.
Ci sono molte app compatibili, anche per la corsa (ma a me non interessano).
Il costo è attorno ai 150 euro.

Entrambi gli Activity Tracker prevedono nelle loro app l'assegnazione di medaglie, step raggiunti, possibilità di far parte di una community e di lanciare e accettare sfide: un divertente stimolo per allontanare la sedentarietà!

Avendoli provati entrambi - però - il Fitbit è decisamente quello che soddisfa maggiormente le mie esigenze.


Nessun commento:

Posta un commento